Uno haiku non ha mai titolo

"Mi perdonerai questi giorni di novembre?
Sui canali della Neva tremolano le luci.
Poveri addobbi di un tragico autunno."

Anna Achmatova

fotografia di Christopher Myers
"Il sabato č passato, e neanche mi sono ubriacato:
ed ecco la domenica, fa umido, si sta cosė cosā;
alla finestra un tordo s’aggrappa ad un germoglio;
un po’ piove, un po’ s’apre; ma non sono certo Basho."

Lev Losev
(Trad. Maria Cicognani Wolkonsky)
Tabi ni yande
yume wa kareno wo
kakemeguru.
Matsuo Basho (1644-1694)
Viaggio con un carico pesante
i sogni vagano sospesi
in una landa desolata
Ike to kawa
hitotsu ni narinu
haru no ame
Yosa Buson (1715-1783)
Lo stagno e il ruscello
Sono diventati uno:
Pioggia di primavera.
Tsuki ni tooku
oboyuru fuji no
iroka kana
Yosa Buson (1715-1783)
Alla luce della luna
Il profumo dei glicini
Sembra pių lontano
Yuku ware ni
todomaru nare ni
aki futatsu

Shiki Masaoka (1867 - 1902)
Vado
Resti
Due autunni

www.cloudeating.com