Café Soisau
di Elisel Soisau


Ciò che sembra e che so solo io.Potremmo frantumare gli universali e trovarci particolari.Far l’amore è fare finta di non compiacersi, nell’etimologia inadatta della propria presenza.Quel durare pochissimo che d’acchito daccapo delude.Mi mancano le precisazioni.Io so che se sono nato l’ho fatto per andare via dalle mille domande sbadate.Il brutto e ciò che gli è meglio.Non sono io a chiedertelo,sei tu a dirmelo.macchè amore…l’omogeneità delle mie speranze è l’esatto opposto del mio momento di gloria.Non ti bacio da ieri.e sembro un acrobata,un naturamortista.e credo di stare vivendo la mia più bella leggerezza.Rischio di diventare semplice.E’ che però tu stai lì e non fai altro che portarmi qui i tuoi sorrisi.Poi sbadigli e prepari il forfait.

Cafè Soisau.