diario minimo
di Valeria Vaccari




Non tengo un diario minimo
dentro la bara di alluminio,
conto le dita che crescono
come lumache nella pioggia,
come acini spiccati dai mietitori.

Penso
di rifarmi una vita
con l’albero delle mie dita
dentro a una serra.