"non serve chiedere a chiunque passa" - ti dico - "o sapere
quale sia la strada, il nome della città/l'indicazione per
uscire/ o soltanto la direzione. è che dobbiamo restare in questo
cono d'ombra - fermi e immobili, in silenzio - a guardare le labbra insanguinate/ i polsi o i volti che si allontanano/
le cattedrali che esplodono. le nostre stesse parole
inzaccherate di vento e rancore". (un uomo ci passa accanto
portando poche cose con sé/ uscendo di scena. fuori).

(da Carte del cielo, Fabrizio Lombardo)

www.cloudeating.com