Ricetta per un incontro
di Simplicius

Dovrai acquistare i seguenti ingredienti:
...Cannella, un bastoncino.
...Eucalipto, olio essenziale, un flaconcino.
...Foglie di menta grandi, in numero di nove.
...Fragole grosse, ben mature, in numero di sette.
...Olio di mandorle, una boccetta.
...Panna montata allo zabajone, una bomboletta.
...Petali di rosa, freschi, trenta grammi.
...Sandalo, olio essenziale, un flaconcino.
...Vaniglia, una bacca.

Dovrai preparare accuratamente il luogo, tenendo la porta socchiusa, e regolando le luci in guisa di penombra. Dal mattino dovrà bruciare una lampada per essenze che dovrai costantemente alimentare con sandalo ed eucalipto in minima quantità, ma costante, per farne impregnare gli oggetti contenuti nella stanza.
Nella preparazione della ricetta dovrai essere rigorosamente nuda, salvo indossare delle pianelle di seta e dei nastrini, parimenti di seta, annodati con un piccolo fiocco nei capelli, in numero di cinque e dei seguenti colori: rosso, giallo, verde, blu, viola. In precedenza avrai proceduto ad una rigorosa depilazione.
Dovrai pestare in un mortaio i petali di rosa con qualche goccia di olio di mandorle, fino a ridurli in poltiglia. Metti da parte il preparato.
Poscia, prendi una piccola grattugia e, grattugiando la cannella, spargila finemente in polvere su tutto il corpo.
Utilizza le nove foglie di menta per strofinare alcune parti sporgenti del tuo corpo, una foglia per ciascuno: il mento, gli zigomi, le ginocchia, i gomiti, i capezzoli.
La pasta di rose dovrà essere passata invece nell'incavo dell'ascella, nella piega del gomito e delle ginocchia, nell'ombelico, dietro le orecchie, tra le dita delle mani e dei piedi.
A questo punto, la bacca di vaniglia dovrà essere ripetutamente strofinata intorno alle narici, alle orecchie, alle labbra. Utilizzerai parimenti la bacca per aromatizzare anche le labbra di sotto, con particolare cura che verificherai pensando a me ed essendo soddisfatta della preparazione solo quando tale pensiero darà luogo ad intenso profumo di vaniglia.
Ti farai trovare apparentemente addormentata, distesa su lenzuola di seta: come casualmente abbandonata, nuda, ma con i nastrini ancora annodati tra i capelli.
Non ti sarà consentito di reagire in alcun modo al mio arrivo, né ad alcunché io possa prendermi la libertà di farti, e mi accorgerò delle tue reazioni unicamente assaporando i diversi aromi che saranno risvegliati sul tuo corpo, man mano che saranno sciolti anche i nastrini colorati.
Se ancora ti stai chiedendo a cosa mai possano servire le fragole e la panna, lascio alla tua fantasia l'utilizzo di siffatti ingredienti. Dopo. Sul sottoscritto.