When I go alone at night to my love-tryst
by Rabindranath Tagore

When I go alone at night to my love-tryst,
birds do not sing, the wind does not stir,
the houses on both sides of the street stand silent.
It is my own anklets that grow louds at
every step and I am ashamed.

When I sit on my balcony and listen to his footsteps,
leaves do not rustle on the trees, and the water
is still in the river like the sword on the
knees of a sentry fallen asleep.

It is my own heart that beats wildly -
I do not know how to quiet it.

When my love comes and sits by my side,
when my body trembles and my eyelids drop,
the night darkens, the winds blow out the lamp,
and the clouds draw veils over the stars.

It is the jewel at my own breast that shines
and gives light. I do not know how to hide it.
Quando la notte vado solitaria al mio amoroso convegno,
non cantano uccelli, non soffia il vento;
in silenzio, immobili ai lati della strada, le case.
E' il tintinnio dei miei propri bracciali
che ad ogni passo cresce, e m'imbarazza.

Quando siedo al mio balcone, l'orecchio teso al suono dei suoi passi,
sugli alberi le foglie non stormiscono, l'acqua nel fiume
č ferma come la spada
sulle ginocchia d'una sentinella rapita dal sonno

E' il cuore mio che batte selvaggiamente,
come acquietarlo non so.

Quando il mio amore viene, e mi siede accanto,
quando trema il mio corpo e si abbassano le palpebre,
si oscura la notte, il vento spegne la lampada,
e le nubi velano le stelle.

E' il gioiello che porto sul petto che brilla
luminoso. Come celarlo non so.

(traduzione di L.D'Incā)

Women Students of Dr. Rabindranath Tagore






www.cloudeating.com
le immagini di questa pagina sono proprietā di:
www.corbis.com
www.royalworldtravel.com/gifs/