il mio uomo
di Valeria Vaccari




Non sai
dove ti tengo,
se immerso nell’acquario
come un pesce,
in apnea,
o appeso alla porta
come batacchio d’oro.

Non so
quale sia la tua funzione,
ma esci fuori dall’acqua
e muori,
per il vento
rintocchi a sproposito.